maria-antonietta-pinna
È nata a Sassari il 28 giugno del 1972, laureata in materie Letterarie con indirizzo storico e specializzata in Criminologia. È collaboratrice del sito culturale di Bartolomeo di Monaco, recensionista per il webmagazine “Sul Romanzo”, curatrice del sito marylibri.it e blogger su controcomunebuonsenso.blogspot.co.it
Già autrice del volume Dalle galee al bagno al carcere (Armando Siciliano Editore), dei racconti Io vedo! pubblicato dalla rivista “Notabilis” e Il morto, ovvero tutta colpa del polistirolo, pubblicato nell'antologia "Quinto colore racconta l'Italia", è esperta di libri antichi e moderni. Fiori Ciechi è il suo primo romanzo.
Instancabile scrittrice e poeta, ha pubblicato nel solo 2013 la piece teatrale Mister Yod non può morire (Edizioni La Carmelina), un'altra racconta di racconti L'occhio clinico (Edizioni della Lanterna), la silloge poetica Lo strazio (Marco Saya edizioni) e il saggio stregonesco Picacismo simbolico.